giovedì 24 marzo 2011

Il primo combinato dell'anno (mica me ricordavo che se fatica così)

ascolto consigliato: "Tragic Magic" The View


Mercoledì pomeriggio si è aperto inaspettatamente un buco di un paio d'ore (se se, in realtà da mo che l'avevo programmato...)
Perchè non buttarci dentro il primo combinato dell'anno.
Visto che il sole comincia a rimanere aggrappato al cielo fino a tardi.
E visto che sarebbe pure ora di cominciare a far correre un po' le gambe dopo la bici...
Ho caricato la bici in macchina e sono sceso di 300 metri al piazzale sotto casa.
Direte "ma potevi arrivarci in bici..."
Vi risponderei "quei 300 metri per arrivare a casa sono in salita al 26%, e farli sapendo che poi avrei dovuto correre proprio non mi andava..."
L'allenamento è stato questo:
22km ondulati in bici con strappetto al 10km alla media di 28,7 kmh, che per me significa tirati parecchio. Non dico a tutta, ma ho spinto fino alla fine.
Insomma, ero molto soddisfattto...
...se non ci fosse stata la corsa dopo...
Butto al volo la bici in macchina, gli tiro dietro cappello ed occhiali, cambio le scarpe e comincio a correre come un matto.
Una ragazza che stava parcheggiando la vicino mi guarda un po' impaurita.
E vedendomi dall'esterno, un po' forse mi sarei impaurito anche io...
Faccio 200 metri ed ho le gambe che sono due ciocchi di legno, sento l'avvicinarsi anche dei crampi (roba sconosciuta per me, che mi saranno capitati al massimo un paio di volte).
Dopo un po' riesco a prendere un ritmo regolare che mi farà finire 6,5km a 4'37".
La cattiva notizia: le gambe ed la strada che non finiva più.
La buona notizia: la bici ed il fatto che fosse il primo combinato.
C'è ancora da lavorare, ma siamo qui per questo.
Daje Ste'!

Posta un commento
Related Posts with Thumbnails