VOTA ADESSO!

venerdì 19 dicembre 2014

100% Christmas Swimming Training (vabbè sarebbero 100 volte 100mt di nuoto)



Quest'anno potremo mangiare una fetta di panettone e pandoro in più (oltre alle 5+5 canoniche ad ogni pasto).
Il 29 dicembre andremo a smaltirle con la 100x100.
Sì, 10km di nuoto.
L'appuntamento è alla piscina del Parco dei Pini alle 9 in punto,
Alle 9:30 precise cominceremo a sbracciare.
Ripartenza @2', se è troppo veloce salti qualche serie e la recuperi alla fine, se è troppo lenta puoi fare qualche vasca a delfino o solo gambe.
Dopo andremo tutti insieme a rimettere a paro le calorie bruciate.
Se vuoi essere dei nostri facce sapè!

mercoledì 17 dicembre 2014

Zona Cambio #17


Questo numero parla di città.
E delle loro storie, naturalmente.
New York, con il bellissimo “romanzo” di Maurizio, Mallorca, con la dura prestazione di Alessio, che da duro è riuscito ad onorare, Kona che ha fatto meritare a Zanardi il titolo di “triatleta dell’anno”, Budapest con il racconto del nostro Titan.
E qui in Italia?
Non stiamo a guardare, perlomeno lo speriamo!
Qual è la miglior città italiana dove vivere di triathlon?
 Lo chiediamo a voi!
Per tutto il mese di dicembre potrete votare quello che ritenete essere  il miglior posto per noi triatleti, e nel prossimo numero vi sveleremo la classifica finale.
Ed i motivi, naturalmente.
Intanto godiamoci queste feste, ed aumentiamo pure di qualche chilo, che da gennaio si ricomincia a fare sul serio…
Buon Natale e buon anno, amici miei!

lunedì 15 dicembre 2014

Corri per il Verde 4^ tappa: e pure quest'ultima ciambella ce la semo magnàta


Ultima tappa della Corri per il Verde.
In partenza con me c'è Giorgio e lo special guest Piastrella, che mi accompagnerà in quest'ultima fatica (lui dice per tirarmi, ma ho il sospetto che le ciambelle fritte c'entrino qualcosa...).
Assente ingiustificatissimo LucaOne, che non ha sentito la sveglia.
Come tecnico di Zona Cambio preferisco non sapere cosa abbia fatto sabato sera e soprattutto fino a che ora.

Alle 9.30 si consuma probabilmente la prima falsa partenza della storia delle campestri.
Un tizio col giaccone Uisp passa davanti la linea di partenza facendo con la mano il conto alla rovescia... 5...4...3...2...
La gente parte, ma non era lo start ufficiale.
A fatica si ricrea una fittizia linea di partenza (20mt avanti) e si aspetta il colpo di pistola.
Ora si comincia a fare sul serio.
Percorso piu tosto delle altre volte.
Fondo erboso molto morbido, prima parte in discesa seconda in salita, due giri da 3km ciascuno.
C'è da soffrire.
Inizio a bomba (facile in discesa eh) e poi si cerca di mantenere.
Il primo giro pare non finire mai.
Stavolta, passando davanti ad Alessia ed i bambini, non ho neanche la forza di salutarli.
Di nuovo discesa.
Quando la strada ricomincia a salire non vedo più a colori, solo in bianco e nero (cit. Piastrella).
E' il segno che stai faticando al punto giusto.
Ultimamente però, esattamente in questo momento, quando le energie cedono, riesco a tirare fuori il meglio di me.
Proprio quando sto a tutta comincia la progressione.
Piastrella se ne accorge e comincia ad allungare il passo (senza di lui non se ne sarei stato capace)
Si finisce in crescendo.
Ultimi 400mt col cuore in gola (anche un po' fuori) e sprint finale a morire.
Bello, però.
Esce fuori una gran gara.
Aldilà di riscontri cronometrici sempre relativi su una campestre (3'45" di passo, comunque), arrivo davanti a tanta gente che di solito vedo sempre di spalle.
La degna conclusione del circuito "Corri per il Verde" a cui, nonostante sia giunto gloriosamente alla 43^ edizione, ho partecipato per la prima volta.
Innamorandomene.
Appuntamento fissato per il 2015.
Le chiodate già fremono ed il profumo di ciambelle fritte già aleggia nell'aria...


Riscaldamento: "Vedo un atleta, un pugile in pensione e un talebano" (cit. LucaOne)



 

Sprint a morire


E pure 'sta ciambella ce la siamo sudata

venerdì 12 dicembre 2014

K-Bag 18Kg K-Well per il potenziamento funzionale



La K-WELL mi ha fornito il K-Bag, una sacca appesantita da 18 Kg per il potenziamento funzionale, per testarlo.

Solo alla vista è una di quelle cose che ti spinge ad allenarti.
PVC nero con tantissimi punti di presa.



Perfetto per la preparazione di potenziamento funzionale, soprattutto in questo periodo invernale in piena fase di carico.
(Prima o poi farò un post, nel mio "stile", facendovi vedere come mi alleno...)
In pratica si può lavorare su tutti i gruppi che interessano la triplice.
Gambe, braccia, addome, schiena e spalle.
Ok, lo potete usare anche come sgabello per sedervi...

Io lo sto sfruttando tantissimo ed è una di quelle cose che consiglio a chiunque voglia fare un piccolo "salto di qualità", affiancando la forza funzionale ai tradizionali allenamenti.

Indispensabile?
Sicuramente no...
...se avete dei figli di vari pesi che potreste sfruttare all'occasione...


martedì 9 dicembre 2014

Best Woman 2014: il pettorale Nostradamus ed il personale sbriciolato



Sabato LucaOne va a ritirare il mio pettorale per la gara e mi manda questa foto.
La mia intenzione era di provare a tenere un passo di 3'45" ma i miei compagni di merende di what'app mi hanno ripetutamente insultato dicendomi di osare di più.
Tanto più che quest'anno l'intenzione è di preparare solo una 10km... o la va o la spacca.
Domenica mattina, per la 25^ edizione di questa gara storica (che tuttavia non avevo mai fatto), ci sono condizioni ottimali per gareggiare.
Al mio fianco ci saranno anche due amici, Kipudda e Sberi, che divideranno con me le fatiche durante questi 10km.
"Non vorrei partire troppo forte, perchè le gare migliori le ho sempre fatte in progressione" dico a Sberi
"Io invece mi ritrovo sempre a partire a bomba" mi risponde.
Vabbè, vediamo che esce fuori.
Il primo chilometro, sull'onda della tanta gente che  gareggia, vola in un secondo a 3'35"
Il secondo si cala di poco.
Mi affianco a Sberi...
"...e la partenza a bomba l'avemo fatta..." gli dico
Fino a quel momento sono stato coperto ed ora è giusto fare la mia parte.
Mi metto davanti e cerco di mantenere il ritmo.
Il crono gira costante tra 3'38" e 3'40" ma non sembro ancora stare alla morte.
Ok, proviamo a tenerlo sperando di non morire al 6°.
Al 4°km non vedo più Sberi e Kipudda.
Questo mi dispiace, incoraggiarci quando arriveranno le difficoltà sarebbe stato d'aiuto per ognuno... spero di non aver fatto la cazzata.
Al sesto km, dopo aver sfruttato la scia di tanti gruppetti, mi ritrovo completamente solo ed esposto al vento del lungomare.
E' il momento più duro.
Il passo sale a 3'45".
Ma non sto alla frutta, il vento laterale mi rallenta, ma l'intensità è ancora buona.
All'ottavo chilometro infatti, si rientra nel centro abitato ed il passo ritorna regolare su 3'40".
Passaggio caratteristico sul ponticello e giù in picchiata verso lo Stadio Cetorelli per l'arrivo sulla pista.
Ho pure la forza di sprintare.
36'31" a 3'40" (QUI la classifica finale)
Non sto nella pelle!
Il commento unanime dei miei amici è stato naturalmente il "Cazzàro! Hai visto che ce l'avevi?!" ma stavolta ci può stare!

Conclusioni e sviluppi...
Aldilà dell'ottimo tempo, oltre ogni mia aspettativa, ho utilizzato questa 10km per valutare se avessi avuto le basi per costruire una Maratona sotto le tre ore.
Se fai sopra 37'30" lascia perde.
Ho fatto 36'30"...
...ho idea che ora si cominci a soffrire sul serio...





giovedì 4 dicembre 2014

Gli spostamenti come allenamento (e come piacere)



...e non solo come allenamento, ma proprio come piacere.
Non vorrei qui entrare nel merito dell'inflazionatissimo "non ho tempo per allenarmi" sul quale nutro sempre grossi dubbi,
Nessuno che dica "non ho voglia".
Tanto di cappello, ci mancherebbe che tutti coltivassero il piacere di fare sport!
ma il tempo, più o meno, e salvo naturalmente alcuni casi, si trova.
E gli spostamenti vari, i pendolarismi, ma anche le semplici uscite possono essere sfruttate per guadagnare tempo.
Da anni ormai faccio il pendolare Tivoli-Roma (40km) con la bici.
Non tutti i giorni, naturalmente.
Anche qui non voglio parlare di scelta ecologica o economica (comunque non irrilevanti) ma di risparmio di tempo.
Un esempio?
Da quando esco dal lavoro, tra autobus per arrivare alla stazione del treno e tragitto ferroviario, sto a casa in due ore e un quarto/mezzo.
Con la macchina, intasati nel traffico capitolino, ci si mette un'ora e mezza.
Per quanto siate pippe in bici, considerate quanto potete impiegare a fare 40km...
...e in più vi siete allenati.
E poi, come dicevo, oltre il "dovere" dell'allenamento, il "piacere".
Quei tre chilometri fatti con la bici fixed invece che con la macchina per arrivare in piscina, per esempio.
Ultimamente, invece di prendere l'autobus per fare i 5km dalla stazione al lavoro, preferisco farli camminando.
Attraversare Roma alle 7 di mattina, mentre si sta svegliando, con il profumo di cornetti che esce dai bar, e le luci di natale che addobbano le vie silenziose è un piacere indescrivibile.
Che all'interno di una scatola con quattro ruote non avrei mai potuto apprezzare in pieno.
E se la gente che incrocio pensa "ma che cazzo sorride questo mentre cammina", sinceramente, è un problema loro...

lunedì 1 dicembre 2014

3^ Tappa Corri per il Verde: di sensazioni (positivamente) sbagliate [+ classifiche]



Al contrario della scorsa settimana, questa volta le sensazioni non erano ottimali.
Nel riscaldamento mi sentivo legato e le chiodate, sul quel tipo di percorso, probabilmente erano fuori luogo.
Ma tant'è, cerchiamo di fare al meglio la gara, inserita all'interno della splendida area archeologica del Porto di Traiano a Fiumicino.
La partenza è molto lenta per la presenza di un ponticello che permette il passaggio di un atleta alla volta.
Appena il percorso si apre mi passa della gente, con cui ho battagliato nelle precedenti due tappe, a doppia velocità.
Allora le mie sensazioni erano giuste, oggi gioco in difesa.
Mi metto del mio passo cercando sempre i passaggi ai lati dove c'è parecchia erba dove affondare i chiodi.
All'inizio del secondo giro però comincio a vedere parecchia gente che cede di schianto.
Senza allungare o forzare continuo del mio passo riprendendo sempre più gente.
Questa cosa mi sorprenda.
In media alle campestri c'è gente più preparata delle 10km domenicali su strada, ma vedo sempre tantissime persone che sbagliano condotta di gare partendo a tutta finendo sulle gambe al 4°km.
E così comincio a recuperare.
E le gambe girano pure.
Quando manca meno di un chilometro decido pure di forzare.
Riprendo l'ultimo gruppetto che avevo a vista davanti e col cuore in gola tiro pure la volata.
Non voglio girarmi a vedere se ho qualcuno alle calcagna, voglio solo continuare a spingere.
Chiudo 33°, 3'45" di passo medio e  la miglior prestazione su questo circuito.
Alla faccia delle sensazioni della partenza.

QUI tutte le classifiche




domenica 30 novembre 2014

Mezza Roma Run Half Marathon 14 dicembre 2014 (DUE ISCRIZIONI IN REGALO)



Per ottenere le iscrizioni in regalo basterà mettere "mi piace" sulla mia pagina  facebook e lasciare un commento qui sotto scrivendo il motivo per cui volete partecipare alla gara.

Sabato 6 dicembre alle 24:00 sarà chiuso il concorso e domenica 7 saranno sorteggiati i vincitori.

Daje!

SORTEGGIO EFFETTUATO:
Vincitori: Andrea Cretaro e Luca Gargiulo 

QUI il sito ufficiale



MEZZA ROMA RUN

Le  gare podistiche "MEZZA ROMA RUN"  di km 21.0975 
VALIDA PER IL CAMPIONATO PROVINCIALE DI MEZZA MARATONA SU STRADA
ASSOLUTO, DI CATEGORIA, DI SOCIETA
, la 10 km e la stracittadina si  disputeranno a Roma,  domenica   14 dicembre 2014, con ritrovo alle ore 8:00 Via Francesco Tovaglieri  adiacente al campo di Atletica Leggera (zona Tor Tre Teste) e partenza  alle ore  09:30 Via Francesco Tovaglieri adiacente al campo di Atletica Leggera (zona Tor Tre Teste)
ISCRIZIONI  PACCO GARA   RITIRO PETTORALI
MODALITA' ISCRIZIONE:

Inviare il modulo di iscrizione compilato in tutte le sue parti (allegando Tessera 2014  + copia ricevuta/cro )  e firmato via mail all’indirizzoiscrizioni@giornataguidasicura.it  o via fax al 06/3233013.

-
 Iscrizione online
Presso il nostro ufficio:  Via Virginio Vespignani, 5/7 00196 Roma (zona Teatro Olimpico, Ponte della Musica) dal lunedì al venerdì dalle 8:30/12:30  15:00/17:30       

Ai primi 1.000' iscritti delle gare competitive (km 21.0975 - km 10 verrà consegnato un pacco gara composto dai prodotti offerti dagli sponsor.I pettorali (sia individuali che di società) potranno essere ritirati sabato 13 dicembre, presso Via Virginio Vespignani, 5 00196 Roma (zona Teatro Olimpico, Ponte della Musica), dalle ore 10:00 fino alle 18:00. LA T-SHIRT POTRA' ESSERE RICHIESTA:  PER LE ISCRIZIONI (1/2 e 10 km) PERVENUTE ENTRO IL 7 DICEMBRE

Verrà allestito inoltre  un Baby Parking (nel modulo d'iscrizione gli atleti  potranno aderire a tale servizio). Il Baby Parking verrà realizzato  solo se il numero dei bambini partecipanti sarà significativo al fine di  giustificare il progetto.

 LEGGI TUTTO: MEZZA ROMA RUN

ISCRIZIONI
Quota  di iscrizione della mezza maratona è  di € 20,00; gara 10 km  € 12,00,  Stracittadina è di  € 5,00
Modalità  di pagamento: 
La  quota iscrizione potrà essere pagata:

  • Mezzo bonifico bancario  
          Dati  bonifico:  Associazione Sportiva Guida Sicura 
          Iban:  IT90P0539003216000000091719)
  • Presso il nostro ufficio:  Via Virginio Vespignani, 5/7 00196 Roma (zona Teatro Olimpico, Ponte della Musica
          dal lunedì al venerdì dalle 8:30/12:30  15:00/17:30 

giovedì 27 novembre 2014

L'allenamento "Bestia Nera"


Ognuno ha la sua bestia nera degli allenamenti.
Quel lavoro che, ogni volta che si prova non viene mai, ogni volta che si programma si comincia a pensarci due settimane prima.
Può essere un 400 veloce in pista, un medio di 14km o un lunghissimo pre-maratona.
Il mio sono i 2000.
Troppo lunghi da fare i soglia, troppo brevi da fare come corto veloce, duri da reggere soprattutto di testa.
Ieri ho finalmente sconfitto i miei demoni.
5x2000.
Erano due settimane che ci mugugnavo sopra, ma stavolta non con timore.
Stavolta non vedevo l'ora di farli.
Nonostante gli avvertimenti di Lucaone, che mi consigliava di stare attento, che non sarebbero stati una passeggiata.
Ieri, naturalmente, mezzora prima di uscire per correre, butta giù il diluvio.
Il giorno dopo è previsto sole.
Non me ne frega un cazzo, voglio fare quei cazzo di 2000.
Esco con maglia corta e antipioggia ma dopo il riscaldamento voglio togliermi pure lo smanicato.
Io e la strada e basta.
E la pioggia, incessante per tutta l'ora e mezza in cui sono stato fuori.
E quei 2000, finalmente, sono venuti.
Come dicevo io.
Come volevo io.

lunedì 24 novembre 2014

Corri per il Verde 2014 2^ Tappa: polli, genitori più piccoli dei figli e ciambelle fritte [+ classifiche]




Ieri volavo.
Che un po' me lo immaginavo già, visto che sabato nella sgambatina in bici sentivo le gambe che giravano benissimo.
Le condizioni per una bella giornata ci sono tutte.
Famiglia al seguito, tanti amici e temperatura perfetta.
Solita partenza ingolfata in mezzo al gruppo.
A parte i primi 200mt qui però il percorso è bello largo e comincio subito a recuperare qualche posizione.
Dopo poco riacchiappo Giorgio, che almeno stavolta non strappa cambiando passo ma mantiene il suo, facendo una buona gara (ecco, se acquisisce maturità nella gestione gara potrei preoccuparmi seriamente...).
Sono tre giri da due km, senza grandi asperità di dislivello ma con qualche curva secca e ripartenze.
Finito il primo giro, quando dovrebbe cominciare ad affiorare la fatica, sento che sto ancora alla grande.
Ale ed i bimbi mi incitano ad ogni passaggio.
Senza guardare il crono, allungo un po' e comincio a recuperare sempre più persone.
Finito il secondo giro che fai, non aumenti ancora?
Finale in progressione.
Negli ultimi 400mt recupero un gruppetto intero e lo supero.
Davanti a me non c'è nessuno, vedo il traguardo e mi rilasso salutando ancora i piccoli.
"Stroooooong, te stanno a fa' la volata!!!" mi strilla Diego a bordo pista.
Un ragazzo del gruppetto che avevo ripreso sta sprintando e quando me ne accorgo mancano ormai 10mt e non c'è spazio per fare la volata.
Vabbè, so' stato pollo, giusto così!
Per la cronaca, 6km in 22'43" al passo di 3'46" al km.
QUI TUTTE LE CLASSIFICHE

E poi ci sono i bimbi.
Mavi, sempre preoccupatissima prima di ogni gara, che gareggia col body Zona Cambio ed esordio assoluto in una gara per Jacopo riesce a non arrivare  ultimo in una categoria con bambini di tre anni più grandi di lui (e nonostante qualche genitore a fine gara li abbia infilati davanti nella registrazione dei risultati, ma questa è un'altra storia...)

Finita la gara c'è il giusto premio.
Ormai  le ciambelle fritte dopo le campestri stanno diventando una tradizione (ed una motivazione).
Direi un'ottima scusa per arrivare prima al traguardo.



Con Giorgio alle calcagna...

Fregato in volata
Jacopo & Mavi


La meritata ricompensa


Related Posts with Thumbnails