VOTA ADESSO!

lunedì 30 settembre 2013

Duathlon di Castel Fusano 2013 (già Triathlon): l'importanza della tattica (scazzata alla grande)... + CLASSIFICA


Triathlon trasformato in duathlon per il mare mosso.
Aldilà della naturale delusione di tutti i partecipanti (ed a prescindere sull'effettiva possibilità di poter nuotare o no) è giusto rimettersi alla decisione di chi deve esprimersi sulla sicurezza di altri.
Gara alla prima edizione organizzata in maniera eccellente.
Il percorso tutto piatto in bici non mi è congeniale ma sto a fine stagione, gli obiettivi principali sono stati raggiunti ed oggi l'importante sarà divertirmi...
Saranno 5km abbondanti di corsa, 20 in bici e 2,5 finali di corsa.

Parto subito sparato sfruttando anche la discesa iniziale.
Le gambe girano anche bene, ma certi ritmi veloci quest'anno non posso averli e verso la fine accuso un po' di stanchezza.
Nonostante questo riesco a chiudere una buona frazione...
...ma da qui tatticamente sono sfortunatissimo, o meglio sbaglio tutto e non ne azzecco una!

Ho un bel gruppetto davanti a me e forzo tanttissimo per cercare di rientrare ma vedo che il guadagno non è molto.
Rientrano sui die me due persone, tra cui Marco "vaiagile", che non si risparmia per niente dandomi sempre il cambio...
Quando ad un cambio che ho dato vedo che dietro di me non ci sono più provo ad allungare.
Poco prima del primo giro (dei due) c'è una leggera pendenza, e in distanza vedo un bel gruppone in distanza.
Secondo forcing assurdo.
La distanza diminuisce sempre più.
Arriva il tratto in leggera salita.
Oli prendo qui o non li prendo più.
Tiro come un matto, ne riprendo uno che ha ceduto ed arrivo a tanto così dal gruppo...
...che però spiana e se ne rivà...
Altre energie sprecate inutilmente.
Mi riprendono in due ma non hanno molta voglia di tirare e facciamo un po' di chilometri sui 30kmh. In pianura sembra di passeggiare.
Appena mi rialzo passa un gruppone ad altissima velocità. Ci accodiamo ma un tizio di quelli che stava con me si mette tra me ed il gruppo e fa il buco.
Se ne vanno anche questi, che mi avrebbero portato in T2 con un buon passo.
Non so se prendermela con quello che ha fatto il buco o con il coglione che sono ad aver bevuto proprio mentre stava passando il gruppo.
Negli ultimi 5km ci infila un altro gruppone.
C'è gente che solitamente mi arriva dietro, sono un po' deluso.
Stavolta mi metto tra i primi del gruppo e controllo la situazione, si fa comunque una buona velocità.
Alla salitella finale uno allunga e non perdo l'occasione per accodarmi.
Ne usciamo in tre dal gruppo e per qui 2/3 km finali tiriamo fino alla transizione.
In T2 il cappellino da panda, utilizzato eccezionalmente anche in prima frazione, è volato da un'altra parte della zona cambio e corro senza.
Le gambe ora sono un po' pesanti e cerco di finire il meno peggio possibile.
In realtà non va così male e mantengo più o meno la posizione, chiudendo sempre col sorriso, che alla fine resta la cosa più importante delle nostre gare!

Complimenti ai due esordienti di Zona Cambio, Marco e Giancarlo, un po' delusi da non aver bagnato (in tutti i sensi) come si deve il loro esordio ed al nostro Lucaone, che il giorno prima di discutere la tesi è venuto a conquistarsi un terzo posto assoluto!

Ci vediamo il 20 ottobre a Santa Marinella per l'ultima gara dell'anno!

Daje sempre!

CLICCA QUI PER LA CLASSIFICA

CLICCA QUI PER VEDERE IL REPORTAGE FOTOGRAFICO COMPLETO DI ALESTRONG





Posta un commento
Related Posts with Thumbnails