venerdì 10 luglio 2009

Algebra politica (Speciale G8 parte 2)

C’è soddisfazione intorno a questo Gn (dove n sta per un numero intero variabile da 7 a 15) Pare che su alcuni temi ci vogliano 8G, per altri 14G, per altri 8senzalacinacheseneèandata, per altri ancora 14piùlegitto). Quali siano questi temi (e soprattutto queste risoluzioni), poi, non l’ho ancora capito. Obama rassicura che per la prima volta sono stati indicati obiettivi concreti. Che significa? Prima che facevano? Comunque, parliamo di questi obiettivi raggiunti, così come indicati dalle stesse fonti ufficiali.
Uno. Riduzione delle emissioni con il limite dei 2 grandi centigradi entro il 2020, Cina ed India, però non hanno aderito. Ma a che cosa?
Due. Berlusconi, Obama e Rudd (in ordine rigorosamente alfabetico) hanno presentato il cosiddetto "Piano verde", l'impegno del Major Economies Forum (Mef) impegnandosi a ridurre le emissioni di gas serra entro il 2050 ed a sperimentare forme di partnership globale per spingere verso tecnologie pulite. Ma cosa significa?
Tre. Il Direttore del FMI, Dominique Strauss Khan, ha confermato che vi sono segni di una stabilizzazione delle economie mondiali, anche se permangono dei rischi, quale il pericolo di nuove turbolenze nel sistema finanziario. Per quanto concerne le strategie per il futuro, Strauss Khan conferma la necessità di definire opportune "exit strategy". Cosa vorrà dire Strauus Khan, ma soprattutto chi è?
Quattro. La Cina ha chiesto, in occasione di una riunione G8+G5 (=G13 oppure 2*G8+5) un sistema valutario per stabilizzare i cambi che sia il più diversificato e razionale possibile. Diverso e razionale in che cosa?
Cinque. Il G8 allargato (G8+x ) ha convenuto di chiudere i negoziati del Doha Round entro il 2010. A chi e che cosa è convenuto?
Sei. Berlusconi è convinto che si debbano cambiare i metodi di aiuto all'Africa, con l'introduzione di "finanziamenti e "meccanismi di rendicontazione" che permettano di monitorare quanto è stato fatto e resta da fare. Sì, ma quanto è stato fatto e cosa resta da fare?
Sette. Il G8 ha messo la firma in calce all'impegno di applicare norme e principi comuni di correttezza, integrità e trasparenza, insomma quel global legal standard già definito nel cosiddetto Lecce Framework, promosso proprio da Tremonti ed ispirato alle 12 tavole dell'Ocse sulle regole globali per la finanza. Il documento sottolinea la necessità di un quadro globale rafforzato per la regolamentazione e la supervisione finanziaria, promuovendo coerenza tra norme contabili e prudenziali e creando strumenti adeguati per affrontare la prociclicità e assicurando una visione globale di tutte le attività ed entità sistematicamente significative. E qui, tra global legal standar, Lecce Framework, 12 tavole e pro ciclicità, alzo le mani e mi arrendo.
Posta un commento
Related Posts with Thumbnails