lunedì 3 agosto 2009

I Mondiali di nuoto a Roma

“Ci vai a vedere i Mondiali di nuoto?” chiedo ad un amico “Vuoi i biglietti gratis? Te li rimedio io” mi risponde lui. I Mondiali di nuoto li vedrò tutti in TV. La prima settimana passa velocemente tra tuffi, sincro e fondo. L’Italia si evidenzia per 1) tanti quarti posti 2) le eliminazioni di setterosa, settebello ed asso di bastoni 3) qualche medaglia nel fondo e nel sinco passata inosservata addirittura sulle prime pagine dei quotidiani sportici 4) il terzo posto di Tania Cagnotto. Nella seconda settimana c’è il nuoto in vasca e ci si diverte. Tanti record abbattuti, tanti dibattiti sui costumi spaziali, galleggianti, doping tecnico ma chi se ne frega, per il pubblico cambia poco ( e pure per gli atleti, se ormai lo usano tutti). Federica Pellegrini si batte in petto e sulla fronte, poi stravince 200 e 400. Alessia Filippi solo i 1500 (terza negli 800). Il brasiliano Cesar Cielo Filho è il più veloce e vince l’oro nei 50 e nei 100. Bernard, l’unico francese nel mondo con la faccia simpatica, arriva solo secondo ma sembra lo stesso sempre contento. Phelps perde una gara e ne vince 5. Bellissima quella sul filo di lana contro il croato Cavic che lo stuzzica da quando ha perso (sempre sul filo di lana) a Pechino. Magnini fa una figuraccia e tutti a dire che era meglio che se ne stava sull’Isola dei Famosi. Trovo più preoccupante che abbia sull’avambraccio la stessa corona che Simona Ventura ha tatuata dietro al collo. Dubbio amletico: ma i nuotatori hanno le spalle grandi o la testa piccola? A me sembrano tutti Beetlejuice.
Posta un commento
Related Posts with Thumbnails