martedì 10 agosto 2010

Il dolce salutista e la tragedia consumata

Mia madre mi ha fatto crescere mangiando sempre carne.
Non solo carne, ma comunque sempre.
Antipasto di carne, pasta e carne, contorno e carne, carne e pesce o carne e carne.
Appena vedevo una cosa verde cominciavo a tremare terrorizzato.
Poi, piano piano, Alessia mi ha aperto la strada delle verdure.
In poche parole, ora non riesco a farne a meno e la carne non mi piace più di tanto.
Da qui, e da una serie di scelte etiche e salutiste, la decisione di passare ad un’alimentazione vegetariana.
Comunque non vi starò qui a tediare con benefici vari.
Vale però la pena di sentire come l’ha presa mia madre.
A cena, con un sacco di persone a tavola, durante la frutta.
“A proposito mà, puoi evitare ormai di farmi la carne, visto che siamo vegetariani”
Sguardo dubbioso “Ma come, stasera hai mangiato la car…” Ci pensa un attimo e realizza che quella sera NON ho mangiato carne.
Appena in tempo.
Arriva Mavi ridendo “Nonna, mamma e papà non mageranno più la carne!” lo dice così, all’improvviso, senza sapere che stavamo parlando proprio di quello.
E’ il classico coltello che si contorce nella piaga.
Mia madre, abbassa lo sguardo, prima si intristisce, poi (caso veramente eccezionale) si ammutolisce.
Per finire il colpo di grazia.
“Stasera abbiamo un dolce salutista!” esulta mavi entrando con vaschette di farro dolce con cremina di frutti di bosco.
Mia madre, golosa di dolci, prova miseramente ad assaggiarne un cucchiaino, poi lascia tutto il resto.
E’ il mio trionfo.
“Mà, che c’è non ti piace?”
“no, è che ho mangiato troppo prima ed ora mi sento proprio piena”




Posta un commento
Related Posts with Thumbnails