venerdì 5 novembre 2010

Il fartlek più faticoso del previsto e la solitudine della maglietta a maniche lunghe

ascolto consigliato: Pyro "Kings of Leon"

Quando uno parte alle 6:30 dal paese per allenarsi alle 14:30 nella capitale, può capitare di sbagliare abbigliamento.
A Tivoli, alle 6:30, c'è la brina sui vetri.
A Roma, alle 14:00, c'è un sole estivo.
In pista, alle 14:30, sono l'unico con la maglietta lunga.
Perdo un quarto d'ora ad impostare i campi del garmin e non capisco perchè non riesco a trovare la giusta impostazione.
Dopo mi ricordo che l'ultimo allenamento l'avevo fatto in bici e quindi erano rimaste le impostazione per il ciclismo.
Allenamento in compagnia di Antonio:
Devo fare un fartlek di 10km, alternando 500mt al ritmo gara della mezza che farò tra 10 giorni (4'15") a 500mt di ritmo medio (4'42").
Credo che sia un allenamento meno duro del previsto, sono tempi che nelle ripetute faccio tranquillamente...ma non col fartlek...
...soffro tantissimo e finisco l'allenamento decisamente stremato, ma moderatamente soddisfatto.
Correndo "consapevolmente" in maniera corretta sento la contrattura alla gamba che non mi fa male, poi ogni tanto me ne scordo e torno a correre seduto (come giustamente mi ha fatto notare Diego), sentendo nuovamente fastidio.
Mi sa che dovrò imparare infretta anche a concentrarmi nella tecnica di corsa.
In serata arrivo a casa e non trovo più la bici nuova...panico...
Scendo giù in sala e vedo Alessia e Mavi sorridenti con lo straccio in mano vicino alla  la bici splendente e brillante: questa sì che è una bella dichiarazione d'amore!

Stefano prima dell'allenamento

Antonio prima dell'allenamento

Antonio DOPO l'allenamento

La maglietta di Stefano DOPO l'allenamento


Recommended listening: Pyro "Kings of Leon"



When one part of the country to train at 6:30 and 14:30 in the capital, it can happen to make mistakes clothing.
At Tivoli, at 6:30, there is frost on the windows.
In Rome, at 14:00, there is a summer sun.
On the track, until 14:30 am the only one with a long top.
I lose a quarter of an hour to set the fields of Garmin and do not understand why I can not find the right approach.
I remember that after the last training session I had the bike and then had been the setting for cycling.
Training in the company of Antonio:
I do a 10km fartlek, alternating 500m race at the pace of the half that I will make between 10 days (4'15 ") average rate of 500m (4'42").
I think it's a workout softer than expected, are the times that I repeated quietly ... but not with fartlek ...
... I suffer a lot and end up exercising much exhausted, but only moderately satisfied.
Running "knowingly" properly feel the contraction in the leg that hurts me, then sometimes I forget to run back and sat down (as rightly pointed out to me Diego), feeling discomfort again.
I guess I'll have to learn infretta also concentrate in running technique.
In the evening I get home and I can not find the new bike ... panic ...
Go down the hall and see Alessia & Mavi and smiling with the rag in their hand close to my bike shiny and bright: this is indeed a beautiful declaration of love!
Posta un commento
Related Posts with Thumbnails