lunedì 7 maggio 2012

In bici ad Orvinio ed apprezzamenti della pizza locale


Giovedì mattina sono uscito in bici con Francesco ed il suo gruppo di Temple Bike.
Esco quasi sempre da solo in bici, e l'opportunità di fare qualche chilometro in compagnia è sempre allettante.
E così alle 8 stiamo già in partenza in gruppetti frazionati che lungo la strada si aggregheranno.
Non sono un fenomeno in bici ma l'età media (piuttosto elevata) del gruppo mi permette di essere tra i migliori, una volta ogni tanto è una bella sensazione pedalare davanti.
Il giro prevede di arrivare da Tivoli ad Orvinio, con una salita di dieci chilometri pedalabile e regolare.
Il gruppo comincia a sgretolarsi appena la strada sale.
Davanti rimaniamo in tre, poi in due, io e Marco.
Marco, che c'ha due cosce così, mette il 52 e comincia a spingere come un matto. Lo reggo 100 metri e lo lascio andare altrimento scoppio.
Dopo qualche minuto da dietro arriva a grande velocità Francesco.
Il giorno prima mi aveva mandato un sms dicendomi "domani facciamo solo una passeggiata", ma si mettere a tirare come un matto.
"Ahò" ansimo in apnea "per fortuna che fare solo una passeggiata!"
"Perchè, sto andando forte? Sto a 180 di battiti ma se vuoi rallento il ritmo e la frequenza delle pedalate"
"Francè non c'ho nè cardio nè contapedalate, però sì, stai a tirà!"
La salita però è ormai finita, arriviamo ad Orvinio e piano piano arriva tutto il gruppo.
Io ne approfitto per prendere un caffè, ma il gruppo storico ha in mente altri progetti.
Poggiano le bici e vanno a comprare un bel pezzo di pizza.
L'ottima pizza di Orvinio, a quanto dicono (e a quanto si vede...)
Posta un commento
Related Posts with Thumbnails