lunedì 23 luglio 2012

Triathlon Olimpico Over Lago del Salto 2012 (e classifiche)


La giornata è splendida e la location ideale per fare triathlon.
Le premesse per una grande gara ci sono tutte.
Triathlon Olimpico OVER, che significherebbe un incrocio tra un Olimpico ed un Medio (o 70.3 per dirla all'americana...): 1.800mt di nuoto, 60km di bici e 14km di corsa.
200 iscritti.
La bici è no-draft, ovvero con scia vietata.
O meglio, la bici SAREBBE no draft...

Mi incontro subito con Giorgio, allestiamo la zona cambio ed andiamo a fare qualche bracciata in acqua.
Muta vietata.
Per me va benissimo, magari guadagno qualche posizione su chi ha difficoltà a nuotare senza muta.
Anche Giancarlo è contento, lui da vecchietto over 50 può comunque indossarla.

Si parte e mi sento subito bene, mi faccio spazio tra qualche nuotatore lento che ha ben pensato di mettersi davanti a tutti e prendo il mio ritmo.
Alla prima boa giro un po' la testa e ne vedo tanti dietro di me.
Le buone sensazioni sono confermate.
Di solito nuoto per fatti miei, oggi però ne ho due a fianco col mio stesso passo e con loro mi faccio tutta la frazione nuoto.
Esco dall'acqua con un po' di difficoltà per i sassi a riva ma un signore urla all'altro ragazzo uscito come me "Dai che sei venticinquesimo!"
Venticiquesimo?! Però!
Di corsa in zona cambio e per la prima volta in gara con la bici da crono (con solo tre uscite di esperienza...)
Le gambe girano abbastanza benema si fa fatica a mantenere la posizione.
Si balla troppo, e non per la musica, per l'asfalto che definirlo sconnesso sarebbe fin troppo un atto di clemenza.
Le vibrazioni sono continue e la bici da crono si guida male.
Qualcuno con la bici da corsa mi riprende, ma verso la fine del giro, con l'asfalto leggermente migliore, mi rimetto in posizione e filo una bellezza!
Sono due giri da 30km.
Dopo il giro di boa controllo chi ho dietro.
Ad un paio di minuti mi segue un gruppone di almeno una dozzina di ciclisti.
E più vado avanti più vedo gruppi sparsi dove si tira a vicenda.
Chi pedala da solo è qualche eccezione (tra cui anche il "grande" Ironmanzi)
Mi sale un misto di rabbia e sconforto.
Dopo un po' naturalmente il gruppone mi riprende e supera.
hanno un andatura alla quale potrei tranquillamente agganciarmi.
Però decido di non farlo, decido di continuare a farmi il culo da solo.
Ho sempre preferito stare dalla parte dei fessi che con i furbi. 
Un mio vecchio comandante di stazione mi diceva che gli ordini non hanno valore se non possono essere controllati, per questo non me la prendo con chi ha barato (perchè di questo si tratta) ma con chi ha messo un regolamento non essendo in grado di controllarlo.
Gli ultimi 10km sono un po' cotto.
Riprendo un altro cane solitario e gli dico "Mi sa che siamo gli unici coglioni..."
"...che non stanno in scia..." conclude lui
Ci salutiamo e proseguiamo.
Arrivo in zona cambio chiudendo con una media di quasi 32kmh, per me molto buona, ma sono rmai svuotato.
Appena comincio a correre capisco che sarà un'agonia.
Le gambe sono dure e, soprattutto, ho dolore hai muscoli del torace e non riesco a respirare bene.
Ho ancora uno scarso adattamento nella corsa dopo la bici da crono (avevo provato solo un combinato TT/run) e lo pago tutto.
Il passo è sempre più lento, mi viene da vomitare e non voglio mangiare niente, limitandomi ad acqua sali e coca.
Vedo dietro di me Giorgio e Diego che piano piano accorciano le distanza da me e ci incitiamo ad ogni passaggio di boa. 
Durante la corsa incrocio un po' tutti: Giancarlo che invece di pensare alla sua gara mi dice che a Klgenfurt mi raggiungerà all'ultimo chilometro della maratona, Ironmanzi, il grande Sandro Crocelli, Maurizio (che però oggi si fa solo la staffetta) e parecchi che mi salutano ma che sul momento non ho riconosciuto.
Scusatemi, ma come mi ha detto dopo Ironmanzi "in bici ti ho visto bene, al primo giro di corsa ti ho visto bene, poi...stavi su un altro pianeta..."
All'ultimo rifornimento c'è Giorgio ormai a quindici secondi da me.
Mi fermo e facciamo gli ultimi 2km insieme.
O meglio, è lui che li fa insieme a me, visto che potrebbe staccarmi.
Poco prima del traguardo vediamo Loredana che sta cominciando la frazione di corsa e la incitiamo.
Ormai è davvero finita.
Non facciamo neanche lo sprint, con un arrivo così ci godiamo un arrivo insieme.
Forse avrò una visione sempre troppo romantica dello sport, ma un arrivo così è uno dei motivi per cui faccio triathlon.
Ok Giò, a Vico hai vinto tu, a Trevignano io, al Salto tu, per Varano preparati bene perchè ci arriverò agguerrito! :)
Chiudiamo in 44^ posizione assoluta in 3h41'02, comunque un buon tempo ed un'ottima classifica.

Nuoto+T1: 35'31"
Bici+T2: 1h55'31"
Corsa: 1h10'09"
Grandissima prova della Zona Cambio Racing Team!

Qui le classifiche complete

Il nostro reportage fotografico lo trovi qui






19 commenti:

Paolo Isola ha detto...

Io, visto che gli altri ciclisti stavano in scia, mi sarei messo anch'io in scia, tanto se non squalificavano gli altri non avrebbero squalificato neanche il sottoscritto.
Comunque complimenti per la prestazione!

Gert dal Pozzo....già Instinct73 ha detto...

IO QUOTO STEFANO: ricorda uomo, l'IM è un uomo solo!!!!

orlando ҉ magic ha detto...

Bravo Stè!

Mi dispiace per il tuo vecchio comandante di stazione, ma non sono d'accordo!
Il discorso scia me le fa girare vorticosamente!

MetalLau ha detto...

Grandioso davvero! Comunque quando parli delle "gambe dure"... ho iniziato a far fatica per te;)
Location spettacolare..

Semper Adamas ha detto...

Così cominci ad entrare nella dimensione IM!!

"La fatica, Uomo, è quello che ti porterà a cavalcare i tuoi sogni...!! Cavalca la fatica!"

Oh, comunque bravo eh!!
:D

MauroB2R ha detto...

io me la prenderei anche con chi bara..alla fine non li costringe nessuno. è come dire: passo con il rosso tanto se non ci sono li i vigili...mah.. è purtroppo la mentalità bacata nostra. (loro)
bravo te per aver fatto quello che hai fatto!

Anonimo ha detto...

Nn ho seguito nessuno, ma nei tratti cn molte curve era quasi impossibile prendere scie autonome se capitavi in mezzo ad altri. Cmq il gruppone l'ho visto pure io e sn andati cosi per tnt km. Alla fine della prima meta' giro dopo 15k erano poco avanti a me... fossero stati leali magari qlcn l'avrei ripreso nel run. Cmq sei forte(anza strong) e qnd inizierai a correre come sai(quindi + forte di me) sarai davvero uno di quelli veri. Io nn ero in forma come 45 giorni prima... cn la bc avevo mollato per ridedicarmi alla corsa dopo il dito rotto, ma so ke a nuotare pur allenandomi saro' sempre una pippa, mentre in bc ho margini. Cmq mi sn divertito ho finito cn ancora molte energie e finalmente so di poter essere un vecchio triathleta.
RB

Peggy Lyu ha detto...

Grande Stefano!!!!!! Devi esserti divertito tantissimo!!! E comunque hai lo spirito giusto e l'importante è dare il massimo in massima onestà e divertirsi

Ironmanzi ha detto...

io ho litigato col n.12 (2° M1) perchè mi ero incazzato che faceva scia spudoratamente. la sua risposta fatti i cazzi e la gara tua..... il secondo giro bike l'ho fatto col 39x12 mi ero rotto le scatole di tentare di staccare/recuperare gli sciatori. per sapere chi sciava basta sommare il tempo swim e bike ed il gioco è fatto......
Grande ste!

Loredana Coda ha detto...

splendido!

margantonio ha detto...

sono nuovo del Triathlon ma questa storia già mi disgusta. Sarà che sono scarso nel nuoto mi si dirà e quindi la scia non la prenderò mai.
Ho tratto delle conclusioni però, selezionerò le gare alle quali partecipare e saranno quasi tutte NO DRAFT controllato.
complimenti Stefano

Ironmanzi ha detto...

il problema non è del controllo ma dei triatleti scorretti, posso tollerare una pseudo scia quando la distanza è inferiore a 7 m ma organizzarsi in gruppi ........per poi nascondersi dietro la giustificazione "c'erano le curve".....

Spiller.LTD ha detto...

La coscienza è di ognuno di noi Triatleti. Bel racconto. Bravo Ste !

Anonimo ha detto...

Ciao, io sono uno dei pochi che non ha fatto scia! In effetti ci sono stati episodi scandalosi, come i due dello stesso team (kratia) che si sono aiutato per tutta la frazione bici (erano intorno alla decima posizione assoluta) o il gruppo dietro di loro...
Anche in acqua i tagli delle boe erano fatti dalla maggioranza della gente, e la cosa più scandalosa è che avvenivano sotto gli occhi dei giudici in barca..
Mah...
Cmq mi trovo concorde col tuo modus pensandi...
Soddisfatto del mio 38 posto per la prima volta su Ale distanza.
Ciao
Max

Paolo ha detto...

Ciao grande! Anzitutto complimenti per la gara e il racconto. Anche se le foto "istagrammate" forse sembrano un po' troppo antiche. In fondo sei ancora giovane, dai, non ti invecchiare, eheheh!

Discorso scia: poiché in queste gare non si vince niente, non vale nemmeno la pena di barare. Però molti lo fanno. Il problema, si sa, è culturale.

La gara non ha un'organizzazione professionale, la federazione sotto questo punto di vista sappiamo da anni che non esiste più, per cui non me la prenderei con gli organizzatori. Me la prenderei con gli atleti. Ma poco cambierebbe.

Chi bara in queste competizioni, personalmente, oltre a fare una cosa scorretta, fa proprio una cosa ridicola, che lo porta al livello di un bambino di 10 anni che ruba le figurine doppie a uno di 3. Bravo, hai vinto. Anzi, hai stravinto. E ora? Sei più forte? Ti vai a vantare? Fai il grosso quando tutto il resto del gruppo (e nel Lazio e dintorni tra triathleti ci si conosce tutti) ti ha visto? Cazz, che atleta! Che tempone in bici!

Aggiungo, anche: che pena!

Comunque, bravo a te, e stai giù su quelle prolunghe... dobbiamo togliere un po' di spessori da sotto al manubrio :D

Keep on goin'!

Anonimo ha detto...

attenzione! c'è stata una squlifica per scia ...al 30° km al giro di boa...l'atleta in questione,tra l'altro correttissimo durante il primo giro, e lo posso giurare perche' ci siamo superati in continuazione dal primo km mantenendo subito dopo le dovute distanze,mi supera a 100mt dalla boa e viene richiamato dal giudice che lo accusa di scia...eravamo nelle prime 15 posz., asssurdo e pure mortificante visto la lealta' che avevamo messo in gioco! Nel secondo giro fatto in totale solitudine, anzi recuperando anche posizioni ho potuto constatare che sciavano in TANTI!!!L'unico che non l'ha fatto l'hanno squalificato. All'organizzazione direi de PAGARLI I GIUDICI COSI CE VENNO!!!!

Anonimo ha detto...

C'era la mia ragazza li dai giudici... Loro hanno avvertito il ragazzo in questione del pericolo scia (tra l'altro era anche il primo del gruppetto e non ne beneficiava), ma pare che lui abbia risposto non proprio correttamente al giudice... Quindi è scattata la squalifica

Ironmanzi ha detto...

confermo è stato squalificato per offese al giudici dopo che lo stesso aveva richiamato tutti.
per sapere chi ha fatto scia basta sommare i tempi swimm e bike..... la tristezza e la pochezza di questi pseudo triatleti che sono così pippe che riprendermi 500m in gruppo ci sono voluti 18km quando io tiravo un 39x12 proprio perchè ero incazzato ma la cosa tragicomica che dopo essere entrati in T2 insieme a me (circa 12) 10 sono esplosi dopo 2 km di corsa..... se non avessero fatto scia non entravano in T2?

Guzzo ha detto...

e pensa che fighi si sentiranno quelli che hanno fatto tutta la gara in scia, andranno in giro a dire che hanno fatto una media dei 39km/h in una gara no draft... che fighi!!!
Penso che sia impossibile che i giudici siano in ogni km di gara a controllare, basterebbe solo un po' di onesta sportività ma, si sa, purtroppo molti pur di guadagnare 5min sul tempo finale venderebbero anche la bici!
GRANDE Stè, bellissima la foto all'arrivo!!!

Related Posts with Thumbnails