domenica 8 maggio 2011

Triathlon Sprint Trevignano: ottimo esordio stagionale!

E' il mio esordio stagionale nel triathlon.
Dopo le tre gare dell'anno scorso in cui ho rotto il ghiaccio vediamo un po' come va questa'anno.
In preparazione all'Ironman 70.3 di Pescara di giugno, arrivo a Trevignano con un bel carico di allenamenti, dove ho lasciato stare le velocità per focalizzarmi sul volume, quindi, sebbe affronti la gara con molta serenità, vivendola come un "passaggio", un po' di incognita su una distanza breve rimane.
Un grazie immenso al mio amico Paolo "Kipudda", che decide di accompagnarmi, aiutarmi, incitarmi e fotografarmi in questa trasferta sul lago di Bracciano.
Decide di passare il suo giorno di riposo facendomi compagnia, durante il viaggio e lungo la gara: questa è quella che io chiamo amicizia. 
Prima della gara incrocio anche Roberto (amico di "pista) e Diego con un fan del mio blog (incredibile, pensavo lo leggesse nessuno tranne mia madre).
E' la prima gara a cui partecipo con Diego e la cosa mi fa davvero piacere, visto che ha cominciato a darmi i consigli da quando sono partito da zero (adesso sto ad uno, però c'è ancora tempo per migliorare...).
Un po' per mancanza di tempo ed un po' per mancanza di voglia non faccio il riscaldamento.
Appena entro in acqua mi prende un colpo. Già io sono freddoloso (sto dormendo ancora col piumone riscaldato) e l'impatto con l'acqua gelida del lago mi blocca.
Faccio i primi 50 metri senza riuscire a respirare.
Poi mi sciolgo e prendo il mio ritmo.
Appena vedo che comincia ad andare, mi ricordo che quest'anno in vasca ho lavorato parecchio, quindi mi impegno anche a spingere.
Vedo piano piano che ne riprendo parecchi e quando esco dall'acqua (di solito tra gli ultimi) c'è ancora parecchia gente dietro.
Nel cambio decido di non mangiare niente e nella fretta non metto neanche il Garmin, sto bene e voglio andare a sensazione.
Anche in bici sento subito che la gamba gira.
Vedo un gruppetto davanti, lo riprendo facilmente e nessuno mi segue. Continuo a superarne parecchi.
Uno mi chiede di spostarmi quando sono stanco che mi darà il cambio.
Ma appena mi alzo dietro di me non c'è nessuno.
Verso il 5°km ne riprendo uno con cui si può andare insieme.
Ne raggiungiamo altri due che si accodano ed altrattanti ci riprendono da dietro e ci agganciamo.
Con questo gruppo da 6 proseguiamo fino alla fine (ed io incredibilmente sono uno di quelli che sta meglio), riprendendo parecchia gente.
Cambio veloce , cappello da panda e via di corsa.
Anche qui la gamba è leggera.
Paolo si aggancia per 300 metri correndo al mio fianco e facendomi qualche foto.
Anche qui riprendo gente su gente mentre solo 2 persone mi superano, uno all'inizio ed uno alla fine.
Quando chiudo in 1h04' sinceramente non ci credevo. Sono ottimi tempi per me, ma soprattutto, ottime sensazioni.
Probabilmente significa che sto lavorando bene per Pescara (ottimo in prospettiva "allenamento" anche il triathlon olimpico del 21 giugno al lago di Vico).
E alla fine mi hanno pure intervistato......
Tornato a casa, vado a vedere le classifiche:
108° su 240 ,se l'anno scorso arrivavo nel ultimo terzo e quest'anno a metà significa effettivamente che si migliora.
Nuoto: 124° in 12' con questo tempo probabilmente erano meno di 750mt ma rimane il fatto che li abbia fatti "sciolti" senza spingere troppo
Bici: 137° in 33' credevo meglio,  forse la frazione su cui lavorare di più.
Corsa: 89° in 19'12" assurdo, anche qui non proprio 5km, ma per me sono tempi fatti neanche in gara "secca" di running





"Un po' per mancanza di tempo ed un po' per mancanza di voglia non faccio il riscaldamento"


"Appena entro in acqua mi prende un colpo"

"quando esco dall'acqua (di solito tra gli ultimi) c'è ancora parecchia gente dietro"


"Con questo gruppo proseguiamo fino alla fine riprendendo parecchia gente"




"Cambio veloce , cappello da panda e via di corsa"

Panda Boy's back on track...

Kipudda e stefanoSTRONG

stefanoSTRONG e "coach" Diego

video
Google Version


You Tube Version
Posta un commento
Related Posts with Thumbnails