mercoledì 30 novembre 2011

Motivi per cui impiccarsi su una bici appesa sul treno


Dopo MacGyver ed il Re delle Fiandre, vi presento un nuovo capotreno:
Scream!
Mercoledì scorso andavo un po' di fretta.
Ho fatto 16x100 di salita a Villa Glori in fretta e furia per non perdere il treno delle 16:00.
Finsco l'allenamento alle 3 in punto, entro nell'affollatissimo spogliatoio dello stadio Paolo Rosi ed in un quarto d'ora mi sono spoagliato, fatto la doccia e rivestito.
Subito in sella alla fixed e via per la Salaria, piazza Istria e giù fino a Tiburtina.
Alle quattro meno dieci ero sul treno.
Non pensavo di farcela ma sto in anticipo, sebbene sudatissimo.
Per non morire di caldo mi tolgo il giaccone e lo appendo sulla bicicletta che avevo già agganciato.
Poi mi metto a sentire musica.
Ad un certo punto si apre la porta...entra il capotreno e...
...fa un salto e guardando la giacca emette un urlo straziante...
Poi mi guarda terrorizzato ed imbarazzato ammettendo "mi sembrava che ci fosse un uomo appeso..."
Silenzio.
Mi scende una gocciolina di sudore.
Quando mi parlano 'sti tizi mi lasciano sempre senza parole...
Poi si fa serio e nel silenzio irreale che si è creato se ne va via.
E' vero che quei ganci da macelleria fanno molto horror-movie di serie B, ma...
Ma chi cazzaccio dovrebbe venire ad impiccarsi su un treno?! 
Ma che gente frequenta i vostri treni?
Posta un commento
Related Posts with Thumbnails