martedì 21 febbraio 2012

Dove e come fermarsi in gara per fare i bisogni, cioè mica la pipì, dico proprio la cacca!


Alla mia prima gara, una mezzamaratona preparata molto male, al 10°km, dopo essermi dissetato con una bella bottiglietta ghiacciata (erano le undici di una sera di giugno col 90% di umidità), ho cominciato ad avvertire rumori pericolosi provenienti dallo stomaco.
Senza che vi racconto i particolari (qui c'è il resoconto della gara) vi riassumo che:
  • mi sono fermato sei volte negli ultimi 8km
  • le prime volte stavamo in campagna, le ultime nel centro abitato
  • per fortuna che era notte e si vedeva male
  • all'ultima sosta c'ho lasciato le mutande
  • arrivato a casa la bilancia segnava 4kg in meno
Il problema improvviso (ed irreparabile), almeno in gara, non si è più riproposto.
Tuttavia nelle leggende che si ascoltano tra i runner ci sono sempre episodi coloriti, da chi correva con le gambe comnpletamente marroni (e non parlo di kenyoti) a chi proseguiva isolato perchè la gente non voleva stare vicino alla sua puzza...
Comunque, dato per certo che è un problema reale e che può succedere, la mia domanda è: qual è il rifugio migliore dove ritirarsi?
Per quanto mi riguarda in quell'unica occasione ho trovato molto conforto tra due chioschi del mercato del pesce, e pazienza se qualcuno il giorno dopo avrà pensato che il pesce non fosse un granchè...

Posta un commento
Related Posts with Thumbnails