martedì 21 febbraio 2012

Dove e come fermarsi in gara per fare i bisogni, cioè mica la pipì, dico proprio la cacca!


Alla mia prima gara, una mezzamaratona preparata molto male, al 10°km, dopo essermi dissetato con una bella bottiglietta ghiacciata (erano le undici di una sera di giugno col 90% di umidità), ho cominciato ad avvertire rumori pericolosi provenienti dallo stomaco.
Senza che vi racconto i particolari (qui c'è il resoconto della gara) vi riassumo che:
  • mi sono fermato sei volte negli ultimi 8km
  • le prime volte stavamo in campagna, le ultime nel centro abitato
  • per fortuna che era notte e si vedeva male
  • all'ultima sosta c'ho lasciato le mutande
  • arrivato a casa la bilancia segnava 4kg in meno
Il problema improvviso (ed irreparabile), almeno in gara, non si è più riproposto.
Tuttavia nelle leggende che si ascoltano tra i runner ci sono sempre episodi coloriti, da chi correva con le gambe comnpletamente marroni (e non parlo di kenyoti) a chi proseguiva isolato perchè la gente non voleva stare vicino alla sua puzza...
Comunque, dato per certo che è un problema reale e che può succedere, la mia domanda è: qual è il rifugio migliore dove ritirarsi?
Per quanto mi riguarda in quell'unica occasione ho trovato molto conforto tra due chioschi del mercato del pesce, e pazienza se qualcuno il giorno dopo avrà pensato che il pesce non fosse un granchè...

19 commenti:

Master Runners ha detto...

se sono primo, in un altra vita e se rinasco keniano, non mi fermo, me la faccio sotto mentre corro!

MauroB2R ha detto...

posso sinceramente dirti di averla fatta in ogni posto, anche se fortunatamente quasi sempre dietro cespugli a bordo strada. L'ultima volta con Lello..
ma il top è stato esattamente un anno fa, sotto zero, un sabato mattina non prestissimo...l'ho fatta sull'aiuola laterale di una rotonda e mi sono pulito con un pezzo di carta da focaccia tutta unta.
è stato spettacolare!
ahahahah

economistapercaso ha detto...

...potrei morì!!! ;-)

Peggy Lyu ha detto...

A me in gara non è successo (forse perchè non faccio gare? ahah) comunque io sono del tipo "piuttosto muoio ma me la tengo"..e se proprio non se ne può più credo che il caro vecchio cespuglio sia l'ideale...aiuta di certo la natura!
Ma tanto in gara arriverei comunque ultima, tantovale andare a cercarsi un bagno pulito e comodo...

orlando ҉ magic ha detto...

bellissimo post...quoto Mauro, ho avute molteplici esperienze simili...io sono per un qualcosa che non sia proprio indecente, quindi un abbozzo di ostacolo visivo...anche parziale....la pipì invece tutta in movimento!

Marco ha detto...

pensa che all'IM e al 5150 di zurigo mettono i bagni lungo il tracciato della corsa!

Mai successo nulla, solo qualche pipi' ogni tanto per fortuna!

Rocha ha detto...

Voto la numero 2, forse perché per fortuna non mi è mai successo !

Paolo ha detto...

Voto lo zaino,
è sempre bello tornare a casa con la schiena calda :D

rotlaibra ha detto...

Divento bianco e muoio di dolore ma me la tengo, o meglio ci provo perchè poi non riesco e quindi inizierei a farmela sotto mentre corro, al che mi fermo all'improvviso e la faccio in mezzo a tutti cercando un cespuglio dove finire

paolo carlo ha detto...

eheh, sono d'accordo con te, è un problema reale, di cui ho sentito spesso parlare sia runners che triatleti. Io ho scelto la 1. Ma se non ci sono cespugli o ripari simili anche la 2 non è male. alla fine sono pur sempre necessità fisiologiche... ;)

Nijel ha detto...

Eheheheheh Stefano io sono stato più fortunato perchè alla Mezza di Busto Arsizio (VA) di due anni fa, appena prima di morire ho avuto la fortuna di vedersi avvicinare la pista di atletica con passaggio obbligato per la corsa...naturalmente per me pista era sinonimo di bagni!!!
se volete farvi due risate ecco il link:
http://naiciuel.blogspot.com/2010/11/una-bella-corsa-di-cacca.html

Paolo ha detto...

Comunque a me non è mai successo di avere problemi simili. Ma ho vomitato un paio di volte. E in quel caso in mezzo alla strada, davanti a tutti.

Bella scena, eheh!
Poi però correvo più forte di prima

Claudiappì ha detto...

Ma LOL! E io che non riesco neanche a fare la pipì nei bagni pubblici.

stefanoSTRONG ha detto...

i vostri commenti meriterebbero un post a parte!
:-D

rotalibra ha detto...

però... un dubbio: dove ha trovato la gazzetta il tipo del disegno?

stefanoSTRONG ha detto...

gliel'hanno datat al gpm quando ha scollinato

confused ha detto...

Ho sempre pensato .... Piuttosto muoio... Ma questo autunno una mattina prima di uscire per la mia corsa decido di bere un bicchiere d acqua, tiepida , a stomaco vuoto alle 6 del mattino. Idea non geniale.... Dopo 30 min di corsa nel punto più lontano da casa cominciano i crampi, mi accucciavo a terra cercando di resistere, poi facevo tre passi e mi dovevo rifermare, la mia compagna di corse mi invitava a usare i cespugli e la penombra del primo mattino, io non cedevo... Dopo 10 minuti non facendocela più mi sono fatta coraggio e per la prima volta in vita mia sono andata nel mitico cespuglio in pieno quartiere residenziale... Abbiamo riso come matte e mi sono decisamente sentita una vera runner :-)

stefanoSTRONG ha detto...

eh ma in allenamento non vale! ancora non puoi dirti vera runner!

Paolo ha detto...

Quoto!
In allenamento conta solo a metà.

Manca il pubblico, il tifo, e soprattutto lo speaker che descrive il momento ;)

Related Posts with Thumbnails