lunedì 19 marzo 2012

Maratona di Roma 2012


Panda!
Sono un panda, non un orso!
(E questo per mettere le cose in chiaro al pubblico che vedendo il mio coppallini strillava "Daje orso!")

Team Panda al completo ed alle 6:30 partiamo alla volta di Roma.
Per la prima volta riesco ad incontrarmi con gli altri blogger all'ombra del Colosseo. Immortaliamo l'evento e ci diamo appuntamento alle griglie, ma una fila troppo lunga ai bagni mi non mi permette di riprenderli.

Piccola parentesi.
Due signore dietro di me in fila,  facendo le simpatiche e ridendo con tutti cominciano ad avanzare finquando non passano davanti anche a me.
"Potete ridere e scherzare quanto volete ma comunque state dietro di me" faccio io.
"Ma mica stavi davanti tu, comuqnue se vuoi puoi passare davanti..."
"Certo che passo davanti, ma mica perchè me state a fa' il favore, perchè stavo prima io de voi"
Adesso, sarà anche una banale polemica bacchettona moralista, ma se davvero nel 2012 esistono persone che provano a fregare anche un posto in fila per pisciare, come cazzo facciamo a risolvere problemi un minimo più seri? Per la cronaca le due stronze erano di Novara.

Mi ingabbio tardi e passo sotto l'arco della partenza 6-7 minuti dopo lo start.
Con il real time non è un problema, ma mi ritrovo chiuso in una calca di persone che mi faranno fare i primi 4km a passo d'uomo. Addio obiettivo delle 3 ore e mezza.
Piano piano la strada si libera e comincio a prendere il mio passo.
All'8°km mi sono riscaldato, e mi sento davvero bene.
Tiro regolare, forse forzando pure un po' troppo, a vedere come concluderò la gara.
Devo andare al bagno però, e se per la mezza avrei trattenuto, oggi non ce n'è bisogno e decido di fermarmi.
Perdo un paio di minuti ma riprendo tranquillamente il passo.
Sto bene, ed alla mezza sto "solo" 3-4 minuti dietro all'obiettivo delle 3h30'.
Devo però rifermarmi al bagno. Perdo altri minuti e decido di non forzare più.
Al 32° arriva la botta.
Non cedo e non mi fermo mai, ma l'andatura comincia a rallentare sempre di più.
Sarà una lenta agonia fino al traguardo.
Al 35° rivado al bagno. Tornato a casa, dopo aver anche rimangiato un po', peserò 6kg di meno, altro che dieta Dukan!
Faccio gli ultimi chilometri a testa bassa.
A Piazza del Popolo sentro i miei suoceri che mi strillano ed ho la forza di sorridere e salutarli.
All'ultimo chilometro, sulla salita finale, dove sapevo che avrei avuto bisogno dell'ultima spinta, ci sono Alessia, Federica e i bimbi. Mi fermo, li bacio tutti e riparto per il rettilineo finale.
Chiudo in 3h57', centrando comunque l'obiettivo minimo che era di scendere sotto le 4 ore, che alla fine è da considerare anche come personal best...
E' chiaro che la Maratona non fa per me.
Come ho già detto a qualcuno, la prossima volta che vi dirò che vorrò fare una Maratona sputatemi negli occhi.
La prossima volta che correrò 42km sarà esclusivamente dopo aver nuotato per 4km e pedalato per 180.
E non è un progetto a breve termine.

[La frase del giorno]
Tra runners...
"Ciao di dove sei?"
"Firenze"
"Com'è la Maratona di Firenze?"
"Abbastanza facile..."
"Ma se vengo a Firenze c'è anche lì qualcosa da visitare come qui a Roma?"
"Beh, è un po' più piccola come città, ma qualcosa da vedere c'è anche lì..."




 


Posta un commento
Related Posts with Thumbnails