martedì 27 marzo 2012

Road to 8x8 Saracinesco


Ci siamo.
Domenica prossima ci sarà il primo evento organizzato da Zona Cambio, la 8x8, cicloscalata sui tornanti di Saracinesco.
Ecco tutto quello che c'è da sapere.
Per adesso siamo 38 iscritti.
Per i primi 30 c'è il pacco partecipazione assicurato, ma sicuramente ci sarà qualche defezione. In tal caso, la "busta" sarà assegnata ai numeri progressivamente successivi.
L'appuntamento sarà alla stazione ferroviaria di Tivoli alle 10.
Se venite con le auto vi daremo direttamente la busta lì, così potete tenerla in macchina, se venite con altri mezzi, forse è il caso che portate uno zainetto.
Il tempo di prendere tutti i nomi e partiremo per una ventina di chilomtri verso Saracinesco.
Per chi volesse venire in treno da Roma, c'è un arrivo alle ore 10:15. In quel caso contattatemi privatamente (se mi scrivete via mail vi lascio il mio numero di telefono) che sicuramente vi aspetterò!
Secondo appuntamento sarà alla stazione ferroviaria di Vicovaro-Mandela, verso le 11:00/11:15.
Anche chi volesse venire direttamente a questo appuntamento sarà meglio che mi avvisi.
Da lì scenderemo 200metri attraversando il passaggio a livello, dove c'è uno spazio ampio per tutti.

Quello sarà lo start della gara.
Da lì si soffriremo per 8km.
Forse qualcosa di meno, visto che per ragioni pratiche (un paese di 164 abitanti invaso da 1/4 della sua popolazione in bicicletta potrebbe essere allarmante) faremo l'arrivo poco prima dell'entrata nel centro abitato.
Proprio all'entrata del paese gireremo a destra (ma comunque ci sarà qualcuno) ...
 ...dove ci saranno le nostre macchine con i viveri ed i premi.

Un vero e proprio spazio dove banchettare non c'è, ma comunque ci sarà spazio per le nostre auto, con bevande e cibaria per i faticatori.
I premi li porteremo su, quindi regolatevi su come vorrete fare per prenderli (per chi vincerà).
Per chi avrà uno zainetto non ci sono problemi.
Per gli altri, se avranno difficoltà, possiamo riportarli noi in seguito ai loro punti di riferimento (siano ciclisti di Temple Bike, del gruppo di Zio Bici, della Tivoli Marathon ecc...)
Alcuni mi hanno già comunicato che saliranno con la macchina su a Saracinesco verso le 10:30, scendendo in bici fino alla stazione di Vicovaro per l'appuntamento e sinceramente mi sembra un'ottima soluzione (mi raccomando ancora di avvisarmi se non sarete al primo appuntamento di Tivoli, così vi metto il pacco da parte!).
Per tutti gli altri, dopo aver bevuto vino e mangiato una pizzetta (giusto per non appesantirci), ci ributteremo su quei tornanti ripidi, ma questa volta in discesa!

Questi sono i primi metri...ma sarà tutta così...

15 commenti:

Marco ha detto...

é questa ??
http://www.salite.ch/saracinesco.asp?Mappa=http://www.viamichelin.fr/viamichelin/ita/dyn/controller/Cartes-plans?mapId=-te75qlq5zkk62o&dx=485&dy=330&empriseW=970&empriseH=661

Papà ha detto...

Sì, è proprio quella, anche se l'ultimo tratto in pavè è escluso dal precorso, perchè porta all'interno del paesino. Ma penso che sarete in pochi a rammaricarvene.

Brady ha detto...

Fortuna che abito distante così evito una figuraccia.
Però che spettacolo!

Peggy Lyu ha detto...

wow sembra divertente!!! un pò troppo lontano da casa mia però..
Qui da em domenica ci sarà una super enduro..mi stanno minacciando per farmi iscrivere..ma non mi farò intimidire..io gare MAI!

Federico ha detto...

Ragazzi si può partecipare anche con una mountain bike?

stefanoSTRONG ha detto...

federico certo! c'è anche chi tenterà l'impresa con una pieghevole :)

gipsy ha detto...

la Lada 4x4 è tua?

stefanoSTRONG ha detto...

purtroppo no...
però in effetti la lada 4x4 come immagine della 8x8 a saracinesco sarebbe una bella idea! :D

Anonimo ha detto...

l'ho fatta una volta con una bici da corsa, ragazzi miei che culo ed ero anche allenato.
Il brutto è stato anche la discesa per via del surriscaldamento dei freni. La leggenda dice che diverse persone, quando si usavano i vecchi tubolari, abbiano sciolto il mastice per il surriscaldamento e praticamente avevano la gomma che girava e i cerchi fermi. MArco. ps devo farmi l'account!!!

stefanoSTRONG ha detto...

c'è un'altra leggenda che narra di spiriti di vecchi ciclisti morti di stanchezza che spuntano dai cespugli e ti tirano la maglia facendoti andare ancora più piano

Papà ha detto...

Io ne conosco un'altra! Si racconta che un giorno si vide arrivare in cima al paesino una bici spinta solo da due piedi infilati nelle gabbiette dei pedali. Era tutto ciò che restava del ciclista, completamente consumatosi nella salita!

marco ha detto...

pensa che la discesa è talmente ripida che se raggiungi 88 miglia orarie, hai un flusso canalizzatore e 2,1 Giga watt di potenza puoi ritrovarti nel 1985!!!!

Mastro Andrea ha detto...

"C'era una volta un tale di nome Saracin che con la moglie viveva sopra una montagna, vivendo di pastorizia e agricoltura. Al compleanno di lei, lui le costruisce una specie di bici, solo con ruote e manubrio, e lei tutta contenta di provarla gli dice :" Saracin esco!"..ma dopo aver fatto a tutta velocità la discesa..al ritorno, si rende conto che le sarebbe stato impossibile tornare su: il marito non aveva messo nessun tipo di trasmissione al velocipede!..Per sempre così rimase ai piedi della montangna..Il marito rimasto solo impazzì, gridando fino all'ultimo dei giorni le ultime parole della moglie:"Saracin esco, Saracin esco..."..e gli abitanti della zona i quali spaventati pensavano che a parlare fosse la montagna, decisero di dare al cucuzzolo, proprio quel nome : SARACINESCO!"

rotalibra ha detto...

mannaggia! l'unica cosa che m'impedisce di esserci sono i seicento chilometri che dovrei fare prima!

Marco ha detto...

circa un migliaio di anni fa o forse due, il mare bagnava le ridenti coste di Vicovaro.
in quel tempo la popolazione viveva di pesca e trasporti marittimi ed erano sempre imperversati dalle orde di pirati Saraceni che infestavano quelle coste.
purtroppo anche quelle coste dovettero soccombere alla furia dei pirati che, dovendole ora difenderle, fondarono una fortezza sulla montagna più alta dei dintorni. Saracinesco.
sembra che i pirati costruissero le nuove navi su quel cucuzzolo, data l'abbondante presenza di legname di qualità, e che le varassero precipitandosi tra i boschi abbattendo tutto quello che trovavano fino al mare!! ecco come nasce quella strada che faremo Domenica.
in onore di quei prodi indosseremo tipici costumi pirateschi.

Related Posts with Thumbnails