lunedì 23 aprile 2012

Road to Triathlon Olimpico Lago di Vico


C'è un po' di gente che conosco che esordirà nella distanza olimpica proprio nella gara di mercoledì' prossimo.
Sempre ricordandovi che sono scarso e che ho chiuso la gara dell'anno scorso in 2h28', ecco comunque qualche consiglio (basato soprattutto sull'esperienza dell'anno passato) per chi non conosce questa gara.
Se è il vostro primo olimpico soffrirete un po' la lunghezza del nuoto.
Oltre che il freddo.
Mezzora in acqua con il clima di questi giorni (ok, la maggiorparte di voi meno di venticinque minuti...) non sarà semplice (mi auguro che non ci sia qualcuno che si presenterà senza muta...).
1500 in gara sono lunghi, ma non preoccupatevi, anche se non uscirete tra i primi...è una gara per ciclisti e corridori.
L'anno scorso ha vinto un Lorenzo Stefani (duatleta) che ha recuperato parecchio svantaggio da Sandro Crocelli (forte nuotatore).
Il percorso in bici è abbastanza impegnativo per un triathlon... prima si scende leggermente ma con una strada molto sconnessa e piena di buche (almeno l'anno scorso) poi si risale, prima leggermente e poi con un tratto molto impegnativo di un chilometro e mezzo, il tutto fatto per 3 volte, che alla fine rimane sulle gambe...
Anche la corsa è dura, si parte in salita ripida e poi si scende veloce, non si riesce mai ad impostare un ritmo.
E' un percorso che, seppure leggermente più breve nelle frazioni di bici e corsa, va gestito bene nelle energie per non arrivare scarichi nella parte finale.
Ultimo consiglio per i neofiti: cercate di legare le scarpe alla bici, perchè in uscita dalla zona cambio in T1 ci sono 50mt di salita molto ripida sullo sterrato da fare con la bici in mano, ed anche se c'è un tappeto, affrotnarlo con le scarpe da bici sarebbe molto difficoltoso.
Daje mo, ci vediamo mercoledì in zona cambio!
altimetria percorso bike

Posta un commento
Related Posts with Thumbnails