domenica 15 maggio 2011

In bici a Guadagnolo (il centro abitato più alto del Lazio-1218mt) e la vendita delle banane


Alle 2 di pomeriggio sono in sella alla mia bici per un allenamento in bici.
Per la prima volta devo superare i 100km e per la prima volta decido di andare a Guadagnolo.
Sono più o meno 45km da casa.
Tutta piana fino al "passo della fortuna", poi si sale per un paio di chilometri e si scende per altrettanti.
E poi si sale. Senza sosta. Per 20km.
A Pisoniano ci si arriva facilmente.
Chiedo a dei vecchi l'indicazione per Guadagnolo e mi dicono che è a soli 15 minuti.
Naturalmente mi stanno prendendo per il culo (oppure pensano che abbia una bici motorizzata, ma propendo per la prima ipotesi)
A Capranica Prenestina, sebbene le pendenze non siano elevate, si comincia ad accumulare un po' di fatica.
Però si è quasi alla fine, Guadagnolo è una frazione proprio di Capranica, quindi non dovrebbe mancare molto.
Mi sbaglio.
Dopo i primi 500mt c'è un cartello che indica tornanti per 10km. Una bella botta per il morale.
Mentre mi arrampico sui tornanti finali, con lo spettacolo di tutta la pianura romana all'orizzonte, comincio a sentire freddo. Guardo la quota sul garmin e vedo 1030...
Cazzo se si sale!
Arrivo in vetta di un paesetto (il centro abitato più alto del Lazio, mentre il Comune più alto è Filettino) sospeso su una roccia.
Nella piazza c'è solo un gruppo di motociclisti che prende il sole ed una comunità africana in pigiama. Prendono il sole anche loro.
Dopo un veloce caffè riscendo verso Tivoli.
E' quasi tutta discesa, ma verso la fine mi prende fame, e visto che per superare i 100km devo farmi ancora una quindicina di chilometri decido di fermarmi a prendere una banana.
Mi fermo ad un negozio di "egiziani" e vedo un ragazzetto che potrebbe essere mio figlio.
"Ciao, mi dai una banana per favore?"
"Devi andare dentro"
"Scusa me la puoi prendere tu?"
"E perchè?"
"Ma come perchè, sto con la bici e con le scarpette, fammi la cortesia no?"
"E lascia la bici qui e vai dentro..."
"Vabbè lascia stare..."
Dopo 300 metri trovo un vecchio fruttivendolo. Stessa domanda.
"Prego signore, sono 35centesimi, buona giornata".
E quegli ultimi 15km, dei 107 complessivi finali, diventano (un po') meno duri...

4 commenti:

Marco ha detto...

Bel giro! io mi son fatto mezzo giro del lago maggiore poco piu' di 150 km, piattone con falsi piani, e sempre ventoso.
Io mangio come una bestia quando sono in giro in bici, di solito nelle tre tasche posteriori mi porto un piatto di amatriciana, 'na bella rosetta con la frittata e qualche carciofo fritto.... nella borraccia un bel montepulciano ;-)
A parte gli scherzi sempre barrette e due panini con la marmellata, e sopratutto almeno due borracce!
in gamba
Marco

stefanoSTRONG ha detto...

quello dell'alimentazione in allenamento e gara è uno dei tanti aspetti che devo migliorare (probabilmente mangio sempre troppo poco). poi le mie tasche di solito sono sempre occupate da cose inutili tipo l'iPod :)))

barbara cdl 69 ha detto...

Ciao Ste' se passi di qui :-) non ti faccio entrare, le banane te le tiro direttamente.... :-) però stai tranquillo non te le faccio pagare..:-)
cmq bravissimo e complimenti.

alexei ha detto...

fatto con 49x16 con facilità!

Commenti

Commenti 2

Related Posts with Thumbnails