lunedì 23 gennaio 2012

La Corsa di Miguel 2012: nuovo personal best dopo 2 anni!


...che un po' me lo sentivo eh...
Mi sento bene, mi sto allenando bene, doloretti particolari non ce ne sono e sto cominciando a ripendere pure un po' di "velocità".
Erano due anni che non miglioravo una mia prestazione podistica, quando feci 42'41"sui 10km proprio alla Corsa di Miguel ed 1h34' alla Roma Ostia.
Poi ci fu la Maratona di Roma preparata malissimo che mi è rimasta sulle gambe per 3 mesi, e poi ancora è iniziata la preparazione per l'Ironman 70.3 di Pescara che mi ha fatto allenare sulla resistenza ed annullare la velocità.
Quest'anno mi sono messo in testa però di lavorare un po' anche sulla qualità e finalmente i risultati cominciano a tornare!
Come dicevo all'inizio, un po' me lo sentivo, e tanto per sfatare la cabala che non si dichiarano mai i propri obiettivi, subito sparato una cartuccia sulla bacheca facebook della Tivoli Marathon, mia squadra podistica...


Ormai non potevo tirarmi indietro, c'avevo messo la faccia, sebbene nascosta dal cappello da panda!
E proprio col cappello da panda, tirato fuori per la prima volta in una gara di corsa, che mi presento allo stadio Paolo Rosi, con Alessia e i bimbi al seguito. Sul posto ho anche la piacevolissima sorpresa della presenza di Paolo "kipudda", che ha accompagnato il fratello Roberto, venuto apposta dalla terra sarda per gareggiare.
Alle 10 in punto si parte.
Primo chilometro in falsopiano e le gambe girano bene.
Secondo chilometro in leggera discesa e le gambe vanno una bellezza.
Incrocio Giuliano che si sta facendo il percorso al contrario (per la seconda volta), perchè deve prepararsi per il suo primo Ironman. Gli urlo e mi risponde, ma mi sa che non mi ha riconosciuto...
Terzo chilometro in piano e mi sento ancora alla grande.
Oggi va, daje sotto Ste' che oggi non la sprechi 'sta gara.
Evito di fare l'errore dell'anno scorso di tirare un po' troppo e riesco a gestire la gara proprio come l'avevo programmata.
Tiro ma non alla morte.
Al ponte di metà garà intravedo all'altro lato della strada RunnerBlade, che mi aveva scritto che avrebbe fatto metà corsa per poi tornare a casa.
La strada scende, è il momento di tirare.
Mi mantengo semope intorno tra i 4' e i 4'10", l'idea era forse di allungare un po' di più ma stavo al limite.
Supero Marco, il presidente della Tivoli Marathon, che mi incita a tirare.
Ecco i sampietrini di Ponte Milvio. Di solito ci passo sempre un po' appesantito, ora rallento un attimo per poi allungare nuovamente in discesa fino alla fine.
Negli ultimi due chilometri supero Enrico ed Antonio, due ragazzi della Tivoli Marathon che scendono abitualmente sotto i 40', ma che oggi pagano ancora la fatica della Maratona di Venezia ('ste Maratone...)!
Agli ultimi 500mt faccio lo sprint come sempre, anche se non riesco a tirare proprio al massimo perchè stavolta ho dato veramente tutto.
Vedo sugli spalti Alessia, i bimbi e Paolo che mi salutano. Alzo il braccio e passo sotto il traguardo.
Subito dopo l'arrivo incontro anche gli altri ragazzi della New Green Hill (la mia squadra di triathlon), anche loro tutti soddisfatti della loro gara.


Il cronometro segna 41'32", un minuto meglio del mio personale.
Ed ora il muro dei 40' sembra un po' meno lontano...

Panda Boy






il pacco gara


Posta un commento
Related Posts with Thumbnails