mercoledì 30 gennaio 2013

Perchè gli Ironman forti odiano gli Ironman scarsi

Nel mondo del triathlon esiste ancora un po' di spocchiosità.
I neofiti sono sempre visti biecamente dai veterani .
"Ma chi è 'sto tizio che mo pensa di diventare triathleta?"
"Ecco un altro che non sa nemmeno cosa sta facendo..."
"Con quei tempi io non ci farei neanche una passeggiata al centro commerciale..."
Naturalmente questo tipo di commento arriva generalmente da gente che qualche anno prima è stata a quel livello e solo dopo anni di buci di culo e chilometri macinati ha sopperito con la quantità alla qualità che non ha mai avuto.
(Questo non vale per gli Elite! A loro fa piacere avere più gente possibile "tra i piedi" perchè sanno che questo fa crescere il movimento)
Il discorso si estremizza sulla distanza Iron.
Se il triathleta può tollerare il nuovo arrivato, l'Ironman navigato non fa il minimo sforzo per accettare il "collega" che all'esordio chiude in 15 ore e 59 minuti.
"Un'eternità!"
"Rischia di farsi male"
"Che senso ha?"
"Neanche è arrivato che già vuole fare l'Iron..."
"Personaggi così fanno più male che bene al triathlon"
Cazzate.
La verità è che non sopportano di allenarsi 15 ore al giorno, 8 giorni alla settimana per tutto l'anno per finire un Ironman in un tempo che agli occhi della gente "normale" (quindi il 99% del mondo) non avrà alcuna differenza con l'ultimo tapascione che finisce un Ironma.
Per la gente "normale", finire un Ironman in 8 ore e finirlo in 15 avrà poca differenza.
La gente "normale" ha comunque rispetto per quello che è riuscito a fare un Ironman (vabbè, anche compassione, ma questa è un'altra storia...).
La gente normale, chiamerà entrambi Ironman.
E questo, l'Ironman "forte", non potrà mai accettarlo.

30 commenti:

  1. Verissimo!!! Ma ciò vale anche un pò nella corsa...gente snob se ne trova poca però qlk sorriso malizioso ogni tanto lo vedo.

    Per non parlare del nuoto...da quanto vedo e leggo se uno è appena appena capace di nuotare e trova uno più lento in corsia...apriti cielo!!!

    poi si parla male del calcio. ahahah

    RispondiElimina
  2. esssssantapolenta... lasciagli un po' di soddisfazione alla gente, Ste.
    Sennò poi di cosa parlano?! Di quanto sono bravi a fare l'uncinetto?
    Cmq io volevo la ricetta delle bombe fritte.. la chiedi ad Alessia, per favore?

    @Mauro: uno, se non è capace a nuotare e si vuol fare una vasca nella corsia dove ci sono io, è assolutamente ben accetto, ma se decide di farsi il bagno nella sua vasca a casa son più contenta :D

    RispondiElimina
  3. ecco...stai già portando le mani (e le gambe!) avanti per dire che non lo finirai come ci stai facendo credere sotto le 9 ore!!!!

    nun te preoccupà per noi sarai un GRANDE FINISHER ANCHE TU!!!

    RispondiElimina
  4. aaaaaaaa te dice bene che pescara non posso spingerla a tutta!

    RispondiElimina
  5. eheheeh

    perché a Edo gli piace scherzare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male,leggendo pensavo si parlasse di me ma vedo che l'oggetto del post è "forte ironman che quando ha iniziato era al livello di quello che adesso critica", quindi son fuori :-):-) e in + a me non importa nulla dei normali ,io neanche lo dico alla gente quello che faccio. Anzi se propio ci rifletto x me tra chi fà 15h e i normali (sedentari) non c'è molta differenza. Edo

      Elimina
  6. Ahahah proverò a farle le ripetute nei centri commerciali il sabato pomeriggio!

    RispondiElimina
  7. A me è capitato lo stesso nella mountain bike..
    pedalavo da due mesi e uno mi ha smadonnato perchè rallentavo il gruppo... Mi mandano in bestia ste cose...

    RispondiElimina
  8. Ste, tu sarai il primo Ironman "forte" amico di tutti.
    IronPanda il paladino dei finisher!!!:)

    RispondiElimina
  9. stefanoSTRONG ha detto...
    aaaaaaaa te dice bene che pescara non posso spingerla a tutta!
    30 gennaio, 2013 18:33

    eh no ...queste sono scuse !! :):)

    RispondiElimina
  10. il fatto é: che tutti possono essere IronMan, per chiudere un IM in 16 ore non ci vuole molto allenamento. Ma ci vuole molto allenamento e sacrifici per andare sono le 10 ore....

    RispondiElimina
  11. effettivamente è così, lo vedi anche da certi messaggi su facebook....la peggiore razza da evitare come la lebbra!
    ovviamente di questa sparuta minoranza di apolli qualcuno normale, umile e tranquillo c'è!

    questo discorso è ovvio che vale anche per nuoto, bici e corsa prese singolarmente...ma in una piscina la corsia è talmente limitata...

    Stè...."non ti curar di loro, ma..."...qui decidi tu cosa fare ;)

    RispondiElimina
  12. Ohhhhhhh... Ciao Ste... Da quanto non ti leggevo... Qui mi sento proprio tirata in causa... =) Marco guarda che i sacrifici li fanno anche quelli che finiscono sotto le 16 h!!!!! Una donna che deve lavorare, seguire la casa, il suo uomo e allenarsi pensi che di sacrifici non ne faccia? Voi sembrate belli perchè il tempo libero lo dedicate solo a quello e non dovete pensare ad altro perchè poi tornate a casa e trovate tutto pronto (lo dico per esperienza personale perchè sia io che il mio compagno facciamo triathlon). A me fa sorridere ancora che qualcuno mi ferma al mio paese e mi chiede com'è stato... Poi ovvio che qualcuno ha minimizzato perchè sono arrivata 2' dopo il tempo limite e quindi non sono un Ironman.. Ma non importa... Io c'ero... =) Ciao triatletiiiiiii.......... =) Clo...

    RispondiElimina
  13. secondo me, Marco, non è che proprio TUTTI possano farlo in 16. se mi ci mettessi io ora, per quanto ben allenato (ma sempre tapascione) con la corsa, un pochino in bici e scarso scarso a nuoto...cmq non ce la farei mai!
    come dire che la mia amica che corre 3km ogni 15gg può correre una maratona in 6 ore dall'oggi al domani...

    @Anonima Clo: ti assicuro che "tutto pronto" proprio non trovo nulla, o quasi. di sacrifici se ne fanno parecchi per star dietro a tutto...

    RispondiElimina
  14. la verità è che chi fa triathlon o peggio fa gli ironman è un esaltato... e non cià un cazzo da fa! (cit.)

    RispondiElimina
  15. Ironia a parte, secondo me il discorso è più complesso.
    certamente sono SFIGATI quelli che per farsi belli criticano chi agli esordi impiega più di 14 ore per finire, va detto però che "chiudere un Ironman" è cosa diversa da "correre un ironman".
    per come la vedo lo spartiacque è la frazione Run: se cammini per 20 km su 42 per come la vedo io non è proprio nello spirito da ironman.
    il fatto è che ahimè oggi anche l'IM come le maratone è diventata moda, qualcosa di cui vantarsi con gli amici tipo "cazzo ho fatto l'ironman, che figo sono!" poi vai a vedere e vien fuori la realtà...
    insomma credo dipenda da molte variabili. dall'esordio i tempi poco contano ma se ogni volta non ti prepari e ti passeggi la maratona...beh fatti i 70.3 no?? ;-)

    RispondiElimina
  16. la fatica del primo è uguale alla fatica dell' ultimo. tutti noi la conosciamo e rispettiamo anche se non abbiamo ori olimpici in bacheca.
    chi per sentirsi forte guarda chi ha dietro nell' ordine d' arrivo non ha capito molto dello sport.

    RispondiElimina
  17. Grande Luca... Il tuo commento vale 1000 punti! Mauro non ho mica detto che gli uomini sono tutti uguali, io però ne ho un esempio in casa! =) Comunque sia per me correre un IRONMAN non era un impresa da sfoggiare con la gente anzi, ho badato bene di tenermelo per me a lungo... Era più una sfida con me stessa che vivo il triathlon tirando una linea parallela con la vita.. Riuscire a portare a termine una sfida nel triathlon mi permette di diventare più sicura anche nella vita... E poi vabbè.... Il triathlon per me e per molti non è un lavoro ma una passione.. E come tale va vissuta! =)

    Clo..

    RispondiElimina
  18. Clo ti dico un segreto...anche se non sei registrata, se invece di anonimi metti "nome" puoi inserire tranquillamente il nome lì senza che ti firmi ogni volta alla fine
    :)

    RispondiElimina
  19. @clo...si si, ma quello anche x me. a volte sui blog, su fb, su twitter....si parla delle proprie "imprese" ma non tanto x mettersi in mostra quanto per condividere con chi ha la stessa passione.
    poi va beh..una piccola parte "narcisa" c'è dentro ognuno di noi ;-)

    RispondiElimina
  20. Secondo me è importante solo primeggiare e dunque considero veri atleti solo quelli degni di questo nome. Per gli altri c'è la 24 ore di Le Mans, dove di tempo ne hanno anche per una pennica...hihihih

    RispondiElimina
  21. Forse sarebbe meglio spostare la conversazione sul Forum? che ci sarebbe molto da parlare e scrivere......

    RispondiElimina
  22. A Stè tranquillo con me puoi uscire...sei messo benissimo in bici ;)

    RispondiElimina
  23. "delle volte sei davanti, delle volte sei indietro, la corsa e' lunga. E alla fine e' solo con te stesso".

    Uno sfigato che un ironman non l'ha neanche fatto e a cui i forti dicono che i tempi con cui fa le ripetute loro non scendono neanche dal letto

    RispondiElimina
  24. 19 anni fa, quando gareggiavo nel settore assoluto della FIDAL, c'era uno, uno dei più forti corridori di tutti i tempi (riferito alla Sardegna) che mi invitava a cambiare sport, in quanto la corsa a piedi è uno sport troppo faticoso ed i miei risultati non erano affatto buoni (facevo 38'05" nei 10000 metri, perciò non andavo neanche tanto piano, anche se lui diceva che era un tempo scadente).
    Penso che gli snob ci siano un pò in tutti gli sport e che vorrebbero che scremasse il gruppo, cioè che rimanessero solo i più forti, o al limite gli atleti di medio livello, un pò come le sette religiose che non vogliono essere troppo numerose, cioè pochi ma buoni, piuttosto che cani e porci

    RispondiElimina
  25. Il fatto è che anche se sono forti , questi atleti non ti pagano l ' iscrizione alla gara , quindi non so chi dia loro il diritto di esprimere giudizi sui tempi altrui !!!
    Ciao
    Beppe

    RispondiElimina
  26. Ciao Beppe concordo con quello che hai detto ed aggiungo che, se il mio ex allenatore non ci avesse stupidamente costretto a fare l'allenamento di corsa continua con loro, cioè con i big del cagliaritano (grandissima castroneria in quanto il fondo lento di uno che fa i 10000 a 3'50" al km. è completamente diverso da uno che va a 3'00" al km.), sicuramente non sarei stato attaccato per i miei tempi. Comunque il clima era goliardico e scherzoso, perciò la critica ai miei tempi ci poteva anche stare.
    Piuttosto oggi come oggi, nel nuovo ufficio, sono in stanza con un ex campione sardo di atletica (evito di fare nomi, cognomi e descrizioni per questione di privacy), uno del gruppo dei big con cui facevo la corsa continua 19 anni fa, e, quando parliamo di atletica, sento un forte senso di disprezzo nei miei confronti, come dire: "Io sono stato un vero atleta, tu non sei stato e non sei un cazzo!!"
    Ciao

    RispondiElimina
  27. Paolo, magari ti disprezza per altri motivi :)

    RispondiElimina
  28. Stefano, non penso sia come dici tu perchè anche lui frequenta le signorine (siamo in tanti per fortuna.. mi spiace per i bacchettoni/femministi come ce ne sono anche in questi blog pseudo-sportivi), seppure molto più saltuariamente di me per questioni economiche (non ho fatto nomi e descrizioni, perciò sono a posto). Infatti quando vado a donne vuole il resoconto dettagliato, mentre quando parlo di gare e allenamenti manifesta insofferenza e fastidio

    RispondiElimina

Related Posts with Thumbnails