lunedì 4 marzo 2019

Cosa NON si impara quando si cade in bici (it's not the fall that hurts, it's when you hit the ground)


Ieri sono caduto con la bici.
In discesa, mentre stavo sulle prolunghe, una buca mi ha fatto saltare la presa dalle dita.
Un braccio è finito giù lungo la ruota, con il corpo mi sono schiacciato sul manubrio e con l'altro mantenevo la presa sull'altra prolunga.
Se mi fossi visto da fuori sarebbe stata una scena comica.
In quella posizione, in discesa,  era impossibile rialzare il corpo con un solo braccio.
Ho continuato per una cinquantina di metri zigzagando con un braccio solo in presa, ben sapendo che non avrei potuto continuare più di tanto senza fare un volo assurdo.
Sapete, quando cadi improvvisamente, tra il trambusto e l'adrenalina ti ritrovi a terra senza capirci niente.
Io invece ho avuto tutto il tempo per capire la finaccia che avrei fatto, e vi assicuro che non è una bella sensazione.
Quanto "finalmente" la bici ha perso il controllo sono voltato in alto e in avanti con tutta la bici e, devo dire, anche con un bello stile.
Se ci fosse stato un giudice a borso strada mi avrebbe dato un bel nove.
Però, come si dice, "it's not the fall that hurts, it's when you hit the ground", e quando arriva il contatto con l'asfalto la botta si fa sentire.
Sull'anca, dove già mi prese una macchina qualche anno fa, su tutto il fianco, coscia e braccio destro, e sulla testa (METTEVEVI SEMPRE 'STO CAZZO DI CASCO!).
Dalla macchina scende una signora con le mani tra i capelli, ma da terra le faccio segno che è tutto ok...

Dopo un po' mi alzo e faccio il controllo della situazione.
Escoriazioni sparse.
Doloretti vari.
Completino bici del Team Panda completamente stracciato.
E soprattutto, il gruppo della bici, che avevo sostituito appena 10 giorni fa perché il precedente si era rotto, completamente piegato.
Tutto questo sapete per dirvi cosa?
Che tutte le manfrine che vi dico sulla passione sana per lo sport, che non dovete mai arrivare al punto che la vostra vita sia condizionata dagli allenamenti e tutte queste altre storie...
Beh, sono cazzate!
Provo ad insegnarvi altro ma il sono il primo dei peccatori.
Perché di tutte queste cose qui sopra, la cosa che mi ha fatto rodere di più il culo è di aver dovuto interrompere l'allenamento.



1 commento:

Master ha detto...

si vabbè, ma la bici come sta?

Commenti

Commenti 2

Related Posts with Thumbnails